Cerca un dottore

Dott.ssa Sabrina Camplone

Dott.ssa Sabrina Camplone

Dottoressa Sabrina Camplone Psicologia e Psicoterapia

Professione: Psicologa specialista in Psicoterapia Individuale e di Coppia presso l’Istituto dell’Approccio Centrato sulla Persona-Roma.
Iscrizioni: Ordine degli Psicologi del Lazio (Anno 2000  prot.n0. 9426),  abilitazione all’esercizio della Psicoterapia (Anno 2004 Prot. n. 734/U), Iscrizione all’elenco degli Psicologi dello Sport dell’Ordine Psicologi Abruzzo (Anno 2011), Membro dell’International Center for Excellence in Emotionally Focused Therapy (Anno2016).
Prestazioni: Psicoterapia Individuale e di Coppia, Mental Training e rilassamento, Crescita personale.
Perfezionamenti:  Gestione delle Risorse Umane, Psicologia Penitenziaria, Psicologia dello Sport e delle attivit` motorie,    Terapia Focalizzata sulle Emozioni (EFT-Emotionally Focused Therapy).
Dal 2004 esercito la libera professione come Psicoterapeuta individuale, di coppia e di gruppo a Pescara e Teramo.
Dal 2011 Referente Scientifico del portale Medicitalia per l’Area Psicologia.
Membro dell’International Center for Excellence in Emotionally Focused Therapy  (Centro di Eccellenza per la promozione di Relazioni sicure, resilienti ed efficaci nell’individuo, nella coppia e nella famiglia) di Ottawa (Canada)
Fino al 2014 Consulente del Ministero di Giustizia, presso l’Ufficio di Esecuzione Penale Esterna di Pescara e Teramo, per l’assistenza psicologica rivolta ai soggetti in misura alternativa alla detenzione.

 

APPROCCIO METODOLOGICO

L’ approccio psicoterapeutico che ho scelto nel mio percorso di formazione teorico-esperienziale è la Terapia Centrata sul Cliente  (in seguito denominata Approccio Centrato sulla Persona dal suo fondatore, Carl Rogers),  scelta che mi consente di privilegiare la dimensione relazionale con il cliente oltre  a promuovere la consapevolezza delle sue risorse  e il recupero del proprio personale.

La Terapia centrata sul cliente rientra nell’area della Psicologia Umanistica. E’ un orientamento che non offre strategie e metodi, nel senso comune della parola, proprio perché utilizza il modo di essere del terapeuta, la sua capacità di entrare in relazione con l’altro e di comprendere come viene percepito dal cliente, al fine di facilitare il cambiamento; solo se il terapeuta riesce ad instaurare un autentico clima di accettazione, consentirà alla persona di esplorare gli aspetti di si che maggiormente lo spaventano, o di cui si vergogna, o che svaluta, l’accettazione positiva incondizionata da parte del terapeuta determina l’abbassamento delle difese che permette al cliente di rimettere in discussione alcuni aspetti di sé, promuovendo un processo di crescita personale.

Il primo colloquio rappresenta uno spazio fondamentale per ascoltare il vissuto del cliente, lasciare emergere i suoi bisogni e le sue aspettative, facilitarlo nell’esprimere liberamente la descrizione di sé e degli eventi della sua vita, consentendogli senza influenzarlo, di contestualizzare i diversi aspetti della sua “esperienza” all’interno della sua storia personale.

Nell’Approccio Centrato sulla Persona, non si parte  dalla patologia ma si considera la persona nella sua unicità e complessità, solo così sarà possibile formulare una descrizione delle modalità di funzionamento della persona, che non sarà semplicemente un’etichetta diagnostica, ma il risultato di una condivisione da parte del cliente, al quale verrà restituita dal terapeuta una riformulazione che racchiude la rappresentazione della sua personalità in tutte le sue sfaccettature più significative.

Tale processo di condivisione faciliterà l’emergere della consapevolezza delle proprie modalità di funzionamento, attraverso la possibilità di entrare in contatto con la propria vita emotiva, avvertire lìinsorgere delle emozioni, comprendere i sentimenti propri e altrui, in modo da sviluppare una vita relazionale ricca e gratificante.

 

LA TERAPIA CENTRATA SUL CLIENTE NELLA TERAPIA DI COPPIA

Uno degli obiettivi principali nel lavoro con la coppia è la facilitazione della circolarità della comunicazione, infatti uno dei compiti del terapeuta è proprio quello di mettere in evidenza come la diversa interpretazione della realtà da parte di ciascun partner, crei una distanza emotiva fra loro, contribuendo ad alzare il “muro” fatto di silenzi, insoddisfazione e sofferenza che a volte spinge la coppia in una sorta di “vicolo cieco”.

Il terapeuta assume un atteggiamento di “parzialità multidirezionale” (O’Leary, 2002), cioè ascolta e sostiene empaticamente un partner e successivamente si comporta allo stesso modo anche nei confronti dell’altro partner; tutto ciò al fine di facilitare in ciascun cliente la libera espressione dei sentimenti, e vanificare gli eventuali tentativi di manipolazione che spesso vengono messi in atto da uno o da entrambi i partner nei confronti del terapeuta.

L’Approccio Centrato sulla Persona consiste nell’applicazione dei principi della Teoria Centrata sul Cliente ad altri tipi di relazione d’aiuto:

–  educazione

–  formazione in contesti aziendali, sportivi, organizzativi

–  assistenza sociale

–  asistenza sanitaria

–  consulenza rivolta a singoli e/o gruppi.

Aderisce alla convenzione, stipulata dall’ Ordine degli Psicologi Nazionale, con i seguenti Enti:

– Guardia di Finanza

– Polizia di Stato

– Consulenti del lavoro

– Dipartimento Amminiztrazione Penitenziaria

-AssoMedico

 

Dottoressa Sabrina Camplone

Professione: Psicologa Specialista in Psicoterapia Individuale e di Coppia
Prestazioni: Psicologia